post

Disabilità e malattia mentale

L’etimologia della parola “integrare” indica la possibilità non solo di includere le categorie svantaggiate entro i contesti, ma anche quella di comprenderne e accettarne le differenze esistenti.

Un aspetto rilevante per i progetti e i servizi che si occupano di integrazione delle categorie svantaggiate, è la necessità di prevedere momenti di riflessione in cui pensare su tali diversità, quindi la necessità di organizzare dei momenti per le scuole, le famiglie e i servizi territoriali, per esplorare i vissuti e le emozioni legate alla diversità in questi contesti.

Tali differenze non sono solo un pericolo per la convivenza o un aspetto marginale della vita relazionale e sociale, piuttosto sono un aspetto della vita quotidiana, su cui è possibile individuare o costruire un senso. La disabilità, la provenienza geografica, le differenze culturali o religiose, possono diventare delle risorse se utilizzate per ripensare gli obietti istituzionali o organizzativi dei contesti in cui tali diversità si presentano.

post

Sviluppo del territorio

L’associazione Pomerium Onlus si orienta alla domanda di socializzazione e partecipazione che è presente nei contesti urbani delle piccole e grandi città di Umbria e Lazio, tramite la realizzazione di progetti e servizi volti alla valorizzazione della cultura, della storia e dell’archeologia dei territori in cui interviene.

Le città rurali o le periferie delle grandi metropoli, sono spesso rappresentate come prive di risorse storico artistiche e culturali, di una storia comune in cui identificarsi, senza tempi e spazi pubblici in cui socializzare. Pomerium Onlus contribuisce a lavorare su tali questioni realizzando progetti per valorizzare i parchi, gli spazi pubblici e i beni archeologici e culturali presenti in tali contesti, quali strumenti utili ed interessanti per innescare uno sviluppo della cultura locale e per favorire un incremento della partecipazione alla vita sociale e civica di chi in tali contesti vive, studia o lavora.

post

Giovani, scuola e famiglie

L’associazione Pomerium Onlus lavora con i giovani, l’infanzia e l’adolescenza e con le agenzie che di questi si occupano, quindi scuole e famiglie, ma anche centri sportivi, ricreativi o aggregativi. Alcuni temi e questioni che accomunano i contesti che hanno a che fare con i giovani, sono le difficoltà connesse al rapporto formativo, al conflitto tra generazioni e culture diverse, l’integrazione dei giovani disabili nei contesti, l’assenza di momenti di incontro, socializzazione e scambio tra famiglie. Le scuole, i centri sportivi e ricreativi, ma anche i servizi sociali territoriali, in qualità di luoghi di incontro extrafamiliare, possono divenire per i giovani non solo dei luoghi deputati all’educazione, ma anche dei contesti in cui poter sviluppare una cultura del confronto, della convivenza e del civismo.

L’associazione interviene su questi e su altri aspetti legati ai giovani, alle scuola e alle famiglie, organizzando laboratori, corsi di formazione, gruppi di riflessione, progetti di intervento e servizi, con l’obiettivo di sviluppare la competenza a stare in rapporto tra i giovani, e tra i giovani e le loro figure di riferimento.